Mariah si rivela su Paper Magazine!
Posted on: agosto 23 2017 | Comments : 0| Filled into : IntervisteLas VegasNews| By: Enzoh

 

Dopo le critiche del mese scorso per alcune foto in cui appare decisamente sovrappeso, Mariah Carey di nuovo sexy è comparsa in versione addirittura “hot” sulla copertina del numero speciale dedicato a Las Vegas di “Paper Magazine”. Niente più “pancetta strabordante” o “cosciotti” strizzati dalle calze a rete ma fisico tonico e curve morbide. La cantante si sarebbe messa a dieta ferrea e, dopo poco più di un mese, questi sono i risultati.

Non lo aveva certo dato a vedere, ma “Mimì” ci era rimasta male per le critiche ricevute dopo la pubblicazione di alcune foto in cui appariva decisamente sovrappeso: forse per questo si è messa a dieta ed è una Mariah Carey di nuovo sexy quella che è comparsa invece sulla copertina del nuovo numero speciale dedicato a Las Vegas di Paper, la stessa rivista che pubblicò sulla cover Kim Kardashian, bella unta e a “lato B” scoperto.

 

«Penso di essere un essere umano come tutti gli altri e di meritare rispetto. Ho sempre avuto una bassa autostima, anche se le persone non lo crederanno», ha detto.

 

Mariah Carey è famosa per amare “i momenti”. Potrebbe essere un “momento butterfly”. Oppure un “bagno caldo moment”. Ma al momento si tratta di un “Las Vegas moment”. La sexy superstar ha appena terminato #1 to Infinity, la sua prima residency in assoluto a Las Vegas, in cui si è esibita cantando le sue 18 hit No.1 al Colosseum del Caesars Palace. I fan che se la sono persa, avranno un’altra occasione a dicembre, quando ritornerà per la serie di concerti natalizi All I Want For Christmas Is You, in cui, ovviamente, non mancherà l’iconica hit. (Per coloro che non possono raggiungere la West Coast, non disperate: ci saranno altri spettacoli al Beacon Theatre di New York.) Oltre a questi concerti, Mariah è impegnata in due progetti cinematografici: il primo, All I Want For Christmas Is You, è un cartone animato ispirato alla sua canzone natalizia ed uscirà a novembre, mentre il secondo, The Star, si tratta di un altro film animato, in uscita lo stesso mese, di cui Mariah canterà il tema principale della colonna sonora.

Durante il servizio fotografico per la nostra copertina, gli abiti di Mariah riflettono la sfavillante stravaganza di Las Vegas. “Credo che questo possa essere un principessa moment”, a proposito di un abito dorato con una meravigliosa gonna in tulle. “Ho tolto le scarpe per sembrare Cenerentola”, aggiunge. “Anche se non so se Cenerentola abbia vestiti con questo tipo di scollatura”. Dunque una versione glamour e adulta di Cenerentola? “Glamour, adulta… Sì, suppongo di sì. Se dobbiamo essere adulti, certamente.”

Cosa ti ha convinta ad avere uno spettacolo a Las Vegas?

Beh, ho pensato che sarebbe stato qualcosa tra un album ed un altro, perché al momento sono al lavoro su un nuovo disco e nuovi singoli, e dunque ho pensato potesse essere un buon posto in cui stare. Avendo due gemelli [Moroccan e Monroe] che hanno da poco compiuto sei anni, penso sia meglio per loro stare più a lungo in un posto solo anziché seguirmi in giro per il mondo. Loro vengono insieme a me.
Dicono “Quello che succede a Las Vegas, rimane a Las Vegas”. Hai avuto uno di quei momenti da cui vuoi prendere le distanze?
È difficile, perché a volte ho spettacoli per due sere consecutive, quindi non esco molto —
“yeah, andiamo in uno strip di Las Vegas”, anche se di tanto in tanto esco con i miei amici, andiamo in giro, ci divertiamo in posti diversi, cose così.
Se un tuo amico venisse a Las Vegas per la prima volta, oltre a vedere il tuo fantastico show, cos’altro gli suggeriresti di fare?
Se hanno dei bambini, gli consiglierei di andare dal dentista dove vanno i miei figli, perché è un dentista per bambini e ha tutti quei giochini nella sala d’attesa. Non ci credo, sono qui a consigliare una vacanza a Las Vegas solo per andare dal dentista!
Non penso che le persone consiglino di venire a Las Vegas per andare da un dentista.
Darling, bisogna prendersi cura dei propri denti.
I tuoi fan adorano i tuoi famosi ‘Mariah moments’. Sai, il tuo ‘butterfly moment’, ‘spallina moment’. C’è un ‘moment’ in particolare di questi giorni che ti senti di condividere?

Mi piacciono i momenti buoni. Ci sono spesso dei momenti in cui dico “non è un buon momento”, ma in genere quando dico “è un momento” lo dico per sottolineare qualcosa di positivo.

Che ne dici di un diva moment?
Mai avuto un diva moment in vita mia.

No?
No… In realtà, ho avuto dei diva moment e la gente non sa come gestirli. Suppongo sia un po’ intenso, perché nasco da una vera diva: mia madre è una cantante lirica. Lei sì che è una vera diva — della Juilliard. Alle altre persone che si spacciano per dive, direi “tesoro, non sai cos’è una diva, non sei cresciuta con mia madre.” [ride] E lo dico come un complimento, o non sarei la persona che sono senza averlo provato sulla mia pelle. Quando la gente mi sente parlare dahhhling e così via, in realtà sto imitando mia madre. Non che lei dica dahling in continuazione, ma imito la sua voce senza neanche accorgermene, e non lo faccio per essere irrispettosa, [fa la voce da diva] “non so neanche perché”.
Dunque non puoi combatterlo; ce l’hai nel sangue.

No, direi proprio che non posso farci niente.
Se potessi iniziare una diceria su te stessa, quale sarebbe?

Mettere in giro voci false su me stessa? Dobbiamo proprio farlo? Non possiamo lasciare questo compito alle persone che adorano fare cose del genere? Non saprei. In passato ho detto che insisto nell’avere cuccioli in qualunque posto vada, il ché sarebbe fantastico! Sarebbe grandioso, no?
Sei una grande star, ma riesci a ricordare l’ultima volta che sei rimasta a bocca aperta in presenza di un personaggio famoso?

Mi capita ogni volta che vedo qualcuno che ammiro. L’ultima volta che ho visto Prince è stato nel mio camerino. Gli dissi che era mia intenzione andare a salutarlo, perché ci eravamo incontrati già in precedenza. Abbiamo fatto lunghe chiacchierate quando era ancora qui con noi, e mi ha aiutato tanto in momenti non proprio facili. Non mi va di ricordare momenti deprimenti, ma stavo parlando con Prince quando mi sono accorta che le altre persone nella stanza lo guardavano increduli che lui fosse davvero lì, insieme a loro, in quel momento. Mi capitava anche con Michael Jackson.

Per finire, dimmi, in tre parole, cosa si prova ad essere Mariah Carey.
Pshh, tre parole!?
Puoi aggiungerne altre, ma la difficoltà è quella.
[Ride] Talmente tante cose… Talmente. Tante. Cose. Queste sono le mie tre parole


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *